Category: Legge regionale 20 aprile 2015, n. 8. riconoscimento della

Legge regionale 20 aprile 2015, n. 8. riconoscimento della

I pasti, gli alimenti e le bevande offerti al pubblico, preferibilmente provenienti dalla filiera corta, sono espressione e valorizzazione delle tradizioni enogastronomiche tipiche locali e della cultura alimentare identitaria e territoriale. Nella somministrazione di pasti, alimenti e bevande sono impiegate le seguenti tipologie di prodotto:. Gli agricampeggio possono disporre di tende, roulotte, caravan, autocaravan o camper per la sosta e il soggiorno.

Gli operatori agrituristici che somministrano i pasti ai soli ospiti che usufruiscono del servizio di pernottamento utilizzano i prodotti di cui all'articolo 4, comma 2, lettera ain una percentuale minima pari ad almeno il 20 per cento dei prodotti complessivamente impiegati. Nel conteggio dei posti letto e dei campeggiatori di cui al comma 1, lettera anon sono computati i minori di 12 anni.

Ai sensi del regolamento CE n.

legge regionale 20 aprile 2015, n. 8. riconoscimento della

Non rientra nel campo di applicazione del regolamento CE n. I sottoprodotti della macellazione sono smaltiti ai sensi del regolamento CE n. I locali adibiti a uso agrituristico hanno i requisiti strutturali e igienico-sanitari previsti dal regolamento edilizio comunale per i locali di civile abitazione. Le deroghe sono motivate e concesse dai comuni nel rispetto delle caratteristiche tipologiche e architettoniche degli edifici esistenti e delle caratteristiche ambientali delle zone interessate.

Gli alloggi agrituristici sono dotati di idonei servizi igienico-sanitari in ragione di almeno uno ogni quattro persone ospitabili o frazioni di quattro, comprese le persone appartenenti al nucleo familiare o conviventi.

Videocorso - norme sulla Privacy - I diversi tipi di dati personali

Negli spazi aperti, le tende o gli altri mezzi autonomi di soggiorno sostano su piazzuole di superficie minima di 55 metri quadri posizionate a distanza minima di 2 metri l'una dall'altra. La Giunta regionale definisce la procedura e i criteri di classificazione delle aziende agrituristiche che offrono servizi di pernottamento, in armonia con quanto previsto dalla normativa comunitaria e nazionale.

Le aziende sono classificate a tempo indeterminato in base ai requisiti posseduti, con l'assegnazione di un numero massimo di cinque simboli girasoli. Le percentuali di cui ai commi 1 e 2 si applicano anche per l'organizzazione di degustazioni di prodotti aziendali e regionali.

Novas musica mp3

Le fattorie sociali, mediante intese o accordi con i titolari di specifici servizi pubblici o privati accreditati, realizzano interventi di:. L'Amministrazione regionale organizza i corsi di formazione per le seguenti figure professionali:.

Fuji x100f blog review

Gli operatori abilitati frequentano i successivi corsi di aggiornamento con cadenza triennale. L'osservatorio cura, inoltre, la raccolta e l'elaborazione delle informazioni provenienti dalle associazioni rappresentative del comparto e fornisce elementi utili alla rilevazione dei fabbisogni formativi e proposte per lo sviluppo del settore.

Ffxiv load appearance data

Il comune competente comunica tempestivamente a tutti gli enti e amministrazioni competenti per materia i provvedimenti di sospensione e di revoca emessi. Nel caso in cui sia commessa la stessa infrazione entro i due anni successivi, le sanzioni pecuniarie previste dal comma 1 sono raddoppiate. Le funzioni amministrative concernenti le sanzioni amministrative pecuniarie sono svolte dal comune competente per territorio. I proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie sono incamerati dal comune a titolo di finanziamento delle funzioni svolte.

Le direttive di attuazione di cui al comma 1 sono soggette al previo parere della Commissione del Consiglio regionale competente per materia, che si esprime entro il termine di trenta giorni dal ricevimento della richiesta, decorsi i quali il parere si intende acquisito.

Dall'attuazione delle disposizioni di cui alla presente legge non derivano nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica. La presente legge entra in vigore il novantesimo giorno successivo alla sua pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione autonoma della Sardegna Buras.

La disposizione di cui all'articolo 23 entra in vigore il giorno successivo all'indizione dei corsi di cui all'articolo Sardegna 14 maggion. I locali destinati all'agriturismo sono dotati di acqua corrente potabile.

L'Amministrazione regionale organizza i corsi di formazione per le seguenti figure professionali: a operatore agrituristico; b operatore ittituristico; c operatore di fattoria didattica; d operatore di fattoria sociale. WhatsApp Tweet Facebook Telegram. Su di noi Chi siamo Sostieni HandyLex.H ome C e rca R ubrica Giunta M appa. Presidente Ufficio di Presidenza Gruppi Consiliari Consiglieri Commissioni permanenti Commissioni speciali e di inchiesta Comitato per il controllo e la valutazione delle politiche Uffici e struttura amministrativa.

Assemblea Commissioni permanenti Commissioni speciali e di inchiesta Comitato per il controllo e la valutazione delle politiche Ufficio di Presidenza. Leggi e Regolamenti Atti di indirizzo e controllo Atti amministrativi e di programmazione Iter degli atti Rapporti sullo stato della legislazione Rendiconto sociale Nomine Bandi di gara Concorsi Bilancio Avvisi.

Estremi del documento Vai al testo storico Iter della legge. Sommario Art. In attuazione dei principi fondamentali contenuti nella normativa statale vigente e in particolare nel decreto del Presidente della Repubblica 6 giugnon. Per quanto non previsto, si applica la normativa statale vigente. I Comuni esercitano nel proprio territorio le funzioni amministrative in materia edilizia, a eccezione di quelle riservate ad altri soggetti dalla normativa statale e regionale vigente.

In tal caso il termine indicato al comma 4 decorre nuovamente dalla data di ricezione della documentazione integrativa. Nota relativa all'articolo 6 Abrogato dall' art. In caso di incompletezza delle informazioni richieste si applica quanto previsto al comma Ove il titolare non inizi i lavori entro il termine di efficacia di cui al comma 4, la SCIA decade di diritto.

Se i lavori, regolarmente iniziati, non sono ultimati entro il termine di efficacia di cui al comma 4, la SCIA decade di diritto per le opere non ultimate. In tal caso il termine indicato al comma 9 decorre nuovamente dalla data di ricezione della documentazione integrativa. Le tolleranze esecutive di cui ai commi 1 e 2 realizzate nel corso di precedenti interventi edilizi, non costituendo violazioni edilizie, sono dichiarate dal tecnico abilitato nella modulistica relativa a nuove istanze, comunicazioni e segnalazioni edilizie e rappresentate nei relativi elaborati progettuali.

Nota relativa all'articolo 9 bis Aggiunto dall' art. Nota relativa all'articolo 11 In attuazione del comma 3 di questo articolo e' stato emanato il r. Gli interventi previsti al comma 1 non sono computati ai fini del calcolo della volumetria delle superfici, delle altezze e delle distanze.

Gli interventi sono effettuati previa acquisizione del permesso di costruire nei casi previsti ovvero previa presentazione della SCIA negli altri casi e comportano la corresponsione del contributo di costruzione, se dovuto. Almeno la medesima altezza minima deve intercorrere tra il pavimento finito dei soppalchi e il soffitto finito dei locali, ove i soppalchi siano destinati alla permanenza di persone.

La superficie dei soppalchi non deve essere comunque superiore a un terzo di quella del locale soppalcato.Interventi per lo sviluppo alpinistico ed escursionistico e disciplina della professione di gestore di rifugio alpino. Modificazioni alle leggi regionali 26 aprilen. Soggetti beneficiari 1. Limitatamente alle spese di cui all'articolo 3, comma 3, lettere c ed epossono beneficiare delle agevolazioni di cui all'articolo 4, oltre ai soggetti di cui al comma 1, anche i gestori di rifugi alpini.

Iniziative agevolabili. Non sono in ogni caso ammesse ad agevolazione le spese riguardanti l'acquisto di rifugi o bivacchi esistenti. Non sono in ogni caso ammesse ad agevolazione le spese riguardanti gli oneri fiscali e di legge relativi alle spese di cui al comma 3.

Contributi in conto capitale 6. Per le spese di cui all'articolo 3, comma 3, lettere ab e cle agevolazioni sono concesse mediante contributi in conto capitale, nei seguenti limiti percentuali massimi:. Per le ulteriori spese di cui all'articolo 3, comma 3, le agevolazioni sono concesse mediante contributi in conto capitale, nei seguenti limiti percentuali massimi:.

Gli importi massimi di spesa ammissibile per poter beneficiare delle agevolazioni sono i seguenti:. Fatto salvo quanto previsto al comma 7, le agevolazioni sono concesse limitatamente alle iniziative avviate successivamente alla data di presentazione della relativa domanda.

A tal fine, fa fede la data apposta sulla documentazione di spesa presentata dal soggetto beneficiario. In tali casi, sono considerate ammissibili ad agevolazione anche le spese sostenute nei 24 mesi antecedenti la presentazione della relativa domanda. Requisiti delle strutture di nuova realizzazione 7. Per poter beneficiare delle agevolazioni di cui all'articolo 4, i rifugi di cui all'articolo 3, comma 1, lettere ab e cdi nuova realizzazione, devono possedere i seguenti requisiti minimi:.

Per poter beneficiare delle agevolazioni di cui all'articolo 4, i bivacchi di cui all'articolo 3, comma 1, lettera edi nuova realizzazione, devono possedere i seguenti requisiti minimi:. Per l'accertamento della sussistenza del requisito di cui al comma 1, lettera ae al comma 2, lettera ala Giunta regionale acquisisce il parere di una commissione tecnico-consultiva composta:. Obblighi di conservazione e pulizia dei bivacchi 8.

I proprietari dei bivacchi che beneficiano delle agevolazioni di cui alla presente legge sono tenuti ad assicurare la pulizia periodica e la conservazione delle strutture. Soggetti beneficiari 9. Limitatamente alle spese di cui all'articolo 7, comma 2, lettera cpossono beneficiare delle agevolazioni di cui all'articolo 8, oltre ai soggetti di cui al comma 1, anche i gestori di dortoirs. Non sono in ogni caso ammesse ad agevolazione le spese riguardanti l'acquisto di dortoirs esistenti.

Non sono in ogni caso ammesse ad agevolazione le spese riguardanti gli oneri fiscali e di legge relativi alle spese di cui al comma 2. Contributi in conto capitale Per le spese di cui all'articolo 7, comma 2, lettere ab e cle agevolazioni sono concesse mediante contributi in conto capitale nel limite massimo del 30 per cento della spesa ammissibile. Per le spese di cui all'articolo 7, comma 2, lettera dle agevolazioni sono concesse nel limite massimo del 10 per cento della spesa ritenuta ammissibile per la realizzazione dell'iniziativa alla quale le medesime spese si riferiscono.

Fatto salvo quanto previsto al comma 6, le agevolazioni sono concesse limitatamente alle iniziative avviate successivamente alla data di presentazione della relativa domanda. Requisiti delle strutture di nuova realizzazione.

Freenas block size

Per poter beneficiare delle agevolazioni di cui all'articolo 8, i dortoirs che siano di nuova realizzazione devono possedere i seguenti requisiti minimi:. Per l'accertamento della sussistenza del requisito di cui al comma 1, lettera ala Giunta regionale acquisisce il parere della commissione di cui all'articolo 5, comma 3.

Presentazione delle domande Le domande per la concessione delle agevolazioni previste dalla presente legge sono presentate, a pena di decadenza, entro il 31 gennaio di ogni anno alla struttura competente e sono sottoposte all'istruttoria di cui all'articolo Concessione e revoca delle agevolazioni. La concessione delle agevolazioni e il rigetto delle relative domande sono disposti con deliberazione della Giunta regionale entro giorni dalla scadenza del termine di cui all'articolo 10, comma 1.

Le agevolazioni previste dalla presente legge sono cumulabili sino ad un massimo del 90 per cento con altri interventi pubblici concessi per le medesime iniziative.

Leggi e regolamenti regionali

Vincoli e mutamento di destinazione, alienazione e sostituzione dei beni.Stucchi Amari Via Carlo Goldoni, Guarda il video - ospite Claudio Pavan. Orientamenti per il ricono Sauro Nella intranet la registrazione dell'evento. Pubblicato sul BURC n. Scadenza 14 Dicembre Tutto quello che ti sei perso. Disposizioni regionali in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici. Incentivi per la messa a norma di impianti tecnologici o per il risparmio energetico relativi alla prima casa.

Norme e inchieste pubbliche.

Azienda Sanitaria Locale - Verbano Cusio Ossola

Leggi l'articolo pubblicato su "Il messaggero". Testo del "Decreto Sblocca Italia" per gli impiantisti con particolare riferimento agli articoli 33 e Una occasione importante per le imprese che va colta al volo. Il Ministro dello sviluppo economico ha firmato il decreto che fissa al 15 ottobre la scadenza entro la quale il libretto di impianto per la climatizzazione e il rapporto di controll Allegati schema di libretto e di rapporto. Pubblichiamo l'ultima circolare del MISE in tema di formazione obbligatoria sulle energie rinnovabili.

Si pubblica lettera inviata all'Avv. Riccio ed al Dr. Prioschi in merito all'articolo sul terzo responsabile pubblicato sul Sole 24 Ore del 26 novembre scorso.Modificazioni di leggi regionali. Modificazione alla l. Modificazione alla legge regionale 29 marzon. Modificazione alla legge regionale 7 dicembren.

Modificazioni alla legge regionale 31 marzon. Modificazioni alla legge regionale 14 giugnon. Modificazioni alla legge regionale 3 agoston. Effetti finanziari derivanti dall'Accordo in materia di finanza pubblica del 16 novembre In attuazione del punto 7 dell'Accordo, l'importo complessivo attribuito alla Regione per euro Esenzione IRAP per enti cooperativi. Canoni di concessione di grandi derivazioni di acqua per uso idroelettrico.

Canone di concessione del complesso funiviario. La Giunta regionale definisce il criterio di determinazione del canone di cui al comma 1, riferito all'andamento della gestione e risultante dal bilancio, da rilevare al termine di ciascun esercizio sociale, a decorrere dall'esercizio chiuso il 31 ottobree i termini annuali di pagamento. Rideterminazione delle risorse destinate alla finanza locale. L'ammontare delle risorse finanziarie destinate agli interventi in materia di finanza locale di cui all'articolo 9, comma 1, della legge regionale 24 dicembren.

L'incremento delle risorse finanziarie di finanza locale per euro 5. L'incremento complessivo delle risorse finanziarie di finanza locale per euro 8. Al finanziamento dell'aumento di cui al comma 1, si provvede, in deroga a quanto previsto dalla l.

Ai sensi dell'articolo 29, comma 1, della legge regionale 11 dicembren. Fermo restando quanto stabilito dall'articolo 6, comma 5bis, della l.

Resta comunque esclusa dal calcolo del limite percentuale massimo di cui all'articolo 6, comma 5bis, della l. Al comma 2bis dell'articolo 6 della legge regionale 27 giugnon. Contributo straordinario al Comune di Pont-Saint-Martin per la realizzazione di una scuola progettata per moduli prefabbricati. Alla realizzazione dell'intervento di cui al comma 1, provvede direttamente il Comune di Pont-Saint-Martin, mediante le risorse aggiuntive derivanti da trasferimenti con vincolo settoriale di destinazione di cui all'articolo 6, commi 1 e 4.

Rideterminazione della spesa sanitaria regionale di parte corrente e per investimenti. Il finanziamento dei livelli essenziali di assistenza LEA di cui all'articolo 12, comma 1, lettera adella l. Interventi per la realizzazione del presidio ospedaliero. Disposizioni in materia di ARPA. Il comma 4 dell'articolo 14 della legge regionale 29 marzon. Abrogazione della legge regionale 4 settembren. Il comma 6 dell'articolo 12 della l. Programmi di investimento oggetto di cofinanziamento europeo e statale.

Dopo l'articolo 15 della legge regionale 7 dicembren.Legge regionale 29 ottobren. Testo coordinato.

legge regionale 20 aprile 2015, n. 8. riconoscimento della

Riordino delle funzioni amministrative conferite alle Province in attuazione della legge 7 aprilen. In attuazione di quanto disposto dalla legge 7 aprilen. La presente legge promuove la semplificazione e l'efficacia della gestione da parte delle province delle funzioni loro conferite disponendone l'esercizio in forma associata.

Il riordino delle funzioni in considerazione del nuovo ordinamento delle province prevede: a la riallocazione delle funzioni conseguente alla l. Funzioni delle province 1. Sono confermate in capo alle province tutte le funzioni amministrative loro conferite a qualsiasi titolo con legge regionale vigente alla data di entrata in vigore della presente legge, in quanto coerenti con la natura di enti con funzioni di area vasta o riconducibili alle funzioni fondamentali, fatta eccezione per le funzioni espressamente oggetto di diversa allocazione con la presente legge.

A completamento delle funzioni confermate dalla presente legge, in materia di energia, sono attribuite alle province le funzioni connesse al rilascio delle autorizzazioni alla costruzione ed esercizio di gasdotti ed oleodotti, compresi quelli di distribuzione energetica, non facenti parte delle reti energetiche nazionali o non inseriti in obiettivi strategici definiti a livello regionale. Qualora i gasdotti ed oleodotti di cui al comma 2 non siano totalmente ricompresi nel territorio di una provincia, le autorizzazioni alla costruzione ed esercizio degli stessi sono rilasciate dalla provincia ove l'infrastruttura ricade in misura prevalente, d'intesa con le altre province attraversate dalla medesima.

Sono confermate in capo alle province le funzioni delegate in materia di acque minerali e termali, di cui all'articolo 86 della legge regionale 26 aprilen. I relativi costi trovano copertura nel diritto proporzionale e nella quota del canone disciplinati dall'articolo 25 della legge regionale 12 luglion.

Ambiti ottimali per l'esercizio delle funzioni confermate, attribuite e delegate alle province 1. Per l'esercizio delle funzioni amministrative delle province di cui all'articolo 2, sono individuati i seguenti ambiti territoriali ottimali: a ambito 1: Novarese, Vercellese, Biellese e Verbano-Cusio-Ossola; b ambito 2: Astigiano e Alessandrino; c ambito 3: Cuneese.

I confini degli ambiti territoriali ottimali sono individuati con riferimento ai confini amministrativi delle province di riferimento. Le province danno attuazione all'intesa entro un mese dalla sua sottoscrizione, attraverso la stipula di accordi per ogni ambito con cui sono definiti gli aspetti organizzativi di dettaglio, compresa l'istituzione di uffici comuni. Su richiesta delle province, la Regione garantisce l'assistenza tecnica nella definizione del piano di organizzazione delle funzioni e dei servizi.

Nelle more dell'approvazione degli accordi di cui al comma 6, le funzioni di cui all'articolo 2 sono gestite dalle province singolarmente. Le intese di cui al comma 2, relative ad azioni e progetti che coinvolgono direttamente comuni o unioni di comuni, devono essere sottoscritte anche dai comuni o unioni di comuni stessi.

Sono, inoltre, delegate le seguenti funzioni: a in materia di formazione professionale e di orientamento, quelle di cui agli articoli 9 della legge regionale 13 aprilen. Razionalizzazione dei servizi di rilevanza economica 1.

Lambda layer cannot find module

Ai sensi e per gli effetti dell'articolo 1, comma 90 della l. Resta fermo quanto previsto dall'articolo 14, commi 3 e 9 della legge regionale 24 maggion. Funzioni riallocate in capo alla Regione 1. Con deliberazione della Giunta regionale si provvede alla ricognizione delle risorse umane, finanziarie e strumentali da trasferire alla Regione ed all'individuazione della decorrenza del trasferimento delle funzioni di cui ai commi 1 e 2.

In deroga a quanto stabilito dalla legge regionale 14 marzon. La Regione garantisce, per quanto di competenza, la partecipazione della Provincia del Verbano-Cusio-Ossola agli organismi di indirizzo e coordinamento interessanti le iniziative transfrontaliere promosse dalla Commissione europea, incluso il programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Svizzera.

legge regionale 20 aprile 2015, n. 8. riconoscimento della

Accordi per il trasferimento delle risorse 1. Nella sede dell'Osservatorio regionale, istituito ai sensi dell'accordo previsto dall'articolo 1, comma 91 della l.

In attuazione dell'articolo 5 del decreto-legge 19 giugnon.Date di vigenza che interessano il documento:.

Leggi e regolamenti regionali

Ulteriori integrazioni alla legge regionale 14 febbraion. Dopo il comma 3 dell'articolo 36 della legge regionale 14 febbraion.

Rubinetteria vasca

La Regione sostiene gli interventi volti al contrasto della riduzione dei livelli occupazionali nelle imprese in esito alla crisi economica conseguente l'emergenza epidemiologica COVID dichiarata con deliberazione del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio nel rispetto della normativa europea in materia di aiuti di stato.

In fondo alla lettera d del comma 1 dell'articolo 40 della l.

legge regionale 20 aprile 2015, n. 8. riconoscimento della

Dopo la lettera d del comma 1 dell'articolo 40 della l. Ulteriore integrazione all' articolo 12 della legge regionale 2 aprilen. All' articolo 12 della legge regionale 2 aprilen. Al fine di contrastare gli effetti della crisi economica e finanziaria derivante dall'emergenza epidemiologica da COVID dichiarata con deliberazione del Consiglio dei Ministri del 31 gennaiole risorse pubbliche disponibili alla data del 31 dicembre riferite alla gestione di fondi di garanzia e per interventi sul capitale di rischio da parte di Gepafin Spa, definitivamente rendicontate all'Unione Europea relativamente alla programmazione comunitaria POR FESR Umbria -nel limite di euro 9.

Per la gestione delle risorse di cui al comma 1 sono applicate, relativamente al servizio di gestione degli strumenti finanziari, le disposizioni previste dalla normativa europea riferita alla programmazione In relazione agli effetti derivanti dall'emergenza epidemiologica da COVID dichiarata con deliberazione del Consiglio dei Ministri del 31 gennaiole elezioni del Consiglio di amministrazione del Consorzio di Bonifica Tevere Nera, di cui all' articolo bis della legge regionale 23 dicembren.

Proroghe dei termini relativi alle autorizzazioni per gli appostamenti fissi di caccia di cui all' articolo 24 della legge regionale 17 maggion. In relazione agli effetti derivanti dall'emergenza epidemiologica da COVID dichiarata con deliberazione del Consiglio dei Ministri del 31 gennaioin deroga a quanto disposto dall' articolo 24, comma 6, della legge regionale 17 maggion. Sospensione dei termini dei versamenti relativi alla tassa automobilistica regionale e al tributo speciale per il deposito in discarica dei rifiuti solidi urbani.

Azienda Sanitaria Locale - Verbano Cusio Ossola

I soggetti obbligati di cui al comma 1 dell'articolo 3 della medesima legge applicano la sospensione di cui al presente comma nei confronti dei soggetti conferenti con vincolo di traslazione degli effetti sospensivi a favore dei comuni affidatari del servizio. I versamenti sospesi nel periodo di cui ai commi 1 e 2 sono effettuati, senza sanzioni e interessi, in un'unica soluzione, entro il 30 settembre Dall'applicazione delle disposizioni di cui ai commi 1 e 2 non derivano nuovi o maggiori oneri a carico del bilancio della Regione.

Al finanziamento dell'onere di cui al comma 3 si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento dell'esercizio della Missione 20 "Fondi e accantonamenti", Programma 01 "Fondo di riserva", Titolo 1 "Spese correnti" del Bilancio regionale di previsione Sostegno all'accesso al credito dei soggetti dell'associazionismo sportivo e culturale. Al finanziamento degli oneri di cui al comma 3 si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento dell'esercizio della Missione 20 "Fondi e accantonamenti", Programma 01 "Fondo di riserva", Titolo 1 "Spese correnti" del Bilancio regionale di previsione La presente legge entra in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

L'Assemblea legislativa ha approvato. La Presidente della Giunta regionale promulga la seguente legge:. Perugia, 20 maggio Tesei.


Author: Moogukazahn

thoughts on “Legge regionale 20 aprile 2015, n. 8. riconoscimento della

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *